[googleb0de03b8602a8fdb.html]

domenica 7 maggio 2017

Samuel - LA STATUA DELLA MIA LIBERTA’












Il testo

La statua della mia libertà
si muove
una marea che non si ritirerà
si muove
la statua della mia libertà
si muove
non sto legato a un'orbita


E un giorno fra tanti nel mondo
e un posto fra tanti nel tempo
ci sono istruzioni per far funzionare le cose
ma non le comprendo
la fortuna non viene da sola
ma si compra e non si regala
le sue ali giganti distendono colpi la vedi
ma lei ti sorvola


E la sorte ha voluto giocare
in quest'angolo dell'universo
io devo scappare lontano seguire il richiamo
di un mondo diverso


Se mi fermo lo so che io muoio
non resisto qui, io non sopravvivo
il giardino dei sogni profuma di fiori
ed aspetta soltanto il mio arrivo


La statua della mia libertà
si muove
una marea che non si ritirerà
si muove
la statua della mia libertà
si muove
non sto legato a un'orbita


Qui nessuno ti spiega la strada
per scegliere il lato migliore
ed ora guardando lontanto io vedo le luci,
una notte, un bagliore
conosco il dolore del tempo
le rughe della sua faccia
le vele scolpiscono il vento correndo, le barche
non lasciano traccia


Profeti e lezioni apparecchiano insieme
ancora la stessa tavola
le storie dell'apocalisse si mutano a volte
in scenari da favola


La statua della mia libertà
si muove
una marea che non si ritirerà
si muove
la statua della mia libertà
si muove
non sto legato a un'orbita


Muoio, muoio, muoio, muoio
se io resto fermo allora muoio
Muoio, muoio, muoio, muoio
se io resto fermo allora muoio


La statua della mia libertà
una marea che non si ritirerà
la statua della mia libertà
si muove
non sto legato a un'orbita


La statua della mia libertà
si muove
una marea che non si ritirerà
si muove
la statua della mia libertà
si muove
non sto legato a un'orbita

Nessun commento:

Posta un commento