domenica 17 marzo 2013

Il mare d'inverno - Loredana Bertè






IL testo

Il mare d'inverno / è solo un film in bianco e nero / visto alla tv / e verso l'interno / qualche nuvola dal cileco / che si butta giù / sabbia bagnata / una lettera che / il vento sta portando via / punti invisibili / rincorsi dai cani / stanche parabole di vecchi gabbiani / e io che rimango qui sola / a cercare un caffè / il mare d'inverno / è un concetto che il pensiero non considera / è poco moderno / è qualcosa che nessuno mai desidera / alberghi chiusi / manifesti già sbiaditi di pubblicità / macchine tracciano solchi su strade / dove la pioggia / d'estate non cade / e io che non riesco / nemmeno a parlare con me / Mare mare / qui non viene mai nessuno / a trascinarmi via / are mare / qui non viene mai nessuno / a farci compagnia / Mare mare / non ti posso guardare così / perchè questo vento / agita anche me / questo vento agita anche me...
 
Passerà il freddo / e la spiaggia lentamente / si colorerà / la radio e i giornali / e una musica banale si diffonderà / nuove avventure / discoteche illuminate / piene di bugie / ma verso sera uno strano concerto / e un ombrellone che rimane aperto / mi tuffo perplessa / ai momenti vissuti di già / Mare mare / qui non viene mai nessuno / a trascinarmi via / are mare / qui non viene mai nessuno / a farci compagnia / Mare mare / non ti posso guardare così / perchè questo vento / agita anche me / questo vento agita anche me / mare mare, qui non viene mai nessuno a trascinarmi via / Mare mare...
 



   accordi  

RE-                                DO 
Il mare d’inverno e’ solo un film in bianco e nero visto alla TV
 RE-                         DO 
e verso l’interno qualche nuvola dal cielo che si butta giù'
 FA                      RE- 
sabbia bagnata, una lettera che il vento sta portando via
 DO                SIb            DO              SIb 
punti invisibili rincorsi dai cani stanche parabole di vecchi gabbiani
 DO#             MIb              FA 
ed io che rimango qui solo a cercare un caffè’.
 RE-                            DO 
Il mare d’inverno e’ un concetto che il pensiero non considera
 RE-                       DO 
e’ poco moderno, e’ qualcosa che nessuno mai desidera
 FA                        RE- 
alberghi chiusi, manifesti già sbiaditi di pubblicità‘
 DO             SIb          DO              SIb 
macchine tracciano solchi su strade dove la pioggia d’estate non cade
    DO#              MIb           FA 
e io che non riesco nemmeno a parlare con te.
 FA                    RE- 
Mare, mare, qui non viene mai nessuno a trascinarmi via
 FA                    RE- 
mare, mare, qui non viene mai nessuno a farci compagnia
 SOL-                    MIb      FA 
mare, mare, non ti posso guardare cosi’ perché’
 SIb        DO        FA    SIb       DO        FA 
questo vento agita anche me, questo vento agita anche me.
 RE-                           DO 
Passera’ il freddo, e la spiaggia lentamente si colorerà‘
 RE-                            DO 
la radio e i giornali, e una musica banale si diffonderà‘
 FA                     RE- 
nuove avventure, discoteche illuminate piene di bugie
 DO            SIb         DO              SIb 
ma verso sera uno strano concerto e un ombrellone che rimane aperto
 DO#               MIb             FA 
mi tuffo perplesso in momenti vissuti di già‘.    mare mare…

Nessun commento:

Posta un commento